lunedì 4 giugno 2012

Sincope "Divisions"

L'inglese Somehow Recordings pubblica l'esordio dei Sincope, alias Dario Balinzo e Matteo Puoti, duo pisano autore di un'elettronica ambient ricca di sfumature dream pop e mood shoegaze.

Pregevolissimi i testi campionati, malinconie e pene d'amore notturne, a far da sponda a voci che si perdono in un vento di riverberi (Night buildings); pulsazioni electro e ritmi che accelerano a chilometri di distanza, noi ovattati e cullati in un liquido amniotico di fatto di cristalli che risuonano nella notte (Fiction), di pioggia campionata (Backwash) e di note di piano sopra una foresta di rumori leggeri (Close moving). Un lento risveglio che si compie in Colorless e Eclipse, prima che un'altra notte di sogni e tormenti abbia inizio (Circular).

L'ombra sempre più invadente dei Novanta e una laurea in Mum e Chromatics, i Sincope celebrano un rituale sonoro che non può non piacere, ma tendono ad adagiarsi su un canovaccio rassicurante che regala poche sorprese - fanno eccezione le ritmiche frastagliate di Eclipse o le percussioni di Close moving, sorta di Tricky con la spina staccata. Dario e Matteo sanno far perdere l'ascoltatore in un vortice di emozioni via via più lento, un ralenti che sfocia in stasi: l'eterno ritorno di umori già vissuti.

(Somehow Recordings 2012)

Nessun commento:

Posta un commento