lunedì 17 ottobre 2011

REASONANZ. New club in town

Ottobre 2011, Jesi (AN), un nuovo locale apre le porte. Cosa che ai più potrebbe non interessare ma per chi, come me, vive Jesi tutti i giorni con i suoi pochi spazi e con il suo DNA provinciale, è un evento da non trascurare. Un circolo AICS che offrirà dj-set, concerti, mostre, rassegne e workshops. E un bel bar, che non guasta mai. Sito in zona Gallodoro, fuori dalle mura del centro storico, speriamo vivamente che il Reasonanz possa rivitalizzare un sottobosco da 2-3 anni in sofferenza, complici lenti ricambi generazionali ma soprattutto la mancanza di spazi, a causa delle limitazioni di orari e volume imposte al C.S.O.A. TNT o alla temporanea chiusura del Circolo Anarchici (da poco trasferitosi proprio nel cuore di Jesi, suerte). Ad aggravare la situazione la contemporanea chiusura di luoghi underground storici come il Thermos Club di Ancona o la sede sul lungomare Da Vinci del Mezza Canaja di Senigallia. Insomma, un po' di nuova linfa da fuori città (i ragazzi del Reasonanz vengono infatti da Recanati ed Osimo) che non fa proprio male.

Tre giorni di inaugurazione, 14, 15 e 16 ottobre: tra il reggae del venerdì (Undertown + La Sciamana & Dome), l'acoustic folk della domenica (Chopas) e il concerto del sabato scelgo quest'ultimo, complice anche l'organizzazione Bloody Sound Fucktory che mi vede complice. Primo live dei Lebowski con formazione allargata a cinque (ultimo arrivato Nicola Amici, Butcher Mind Collapse e già Jesus Franco & The Drogas), gran bel sentire e grande spettacolo a furia di Stalin, Kansas City e nonsense dilagante, ma stop sbilanciarsi per correttezza professionale. Diciamo solo che c'è trepidazione per l'imminente nuovo album, e tanta. A seguire l'affidabile set del socio Jonny, che non delude mai.

Il locale pullula di gente, segno questo che di un locale così Jesi ne aveva proprio bisogno. Bell'ambiente, bei colori, belle luci, c'è forse da mettere un po' a punto l'acustica e da sperare che gli inquilini al primo piano non scendano armati di kalashnikov e facciano una strage, ma questi son dettagli.
E in più si fa girare l'economia, che il Kebab a fianco del locale, così tanta gente, non l'ha mai vista.

Prossimo appuntamento domenica 23 ottobre, Jenny Hval (Norvegia, Rune Grammofon) in concerto. Organizzazione Hot Viruz.

Nel frattempo curiosare, informarsi e diffondere.
REASONANZ website
info@reasonanz.com
REASONANZ on FB



Nessun commento:

Posta un commento